Ponte Milvio biancoceleste

In occasione della partita di Serie A Lazio – Bologna, piazzale di Ponte Milvio risulta gremito, i tifosi della Lazio fanno partire un corteo dopo aver acceso alcuni fumogeni, in direzione Stadio Olimpico scandendo cori e battito di mani. A capeggiare il nutrito gruppo di supporters, quello che sarà da questo momento in poi lo striscione che andrà ad identificare il tifo della sponda biancoceleste del Tevere, caratterizzato da scritta bianca ULTRAS LAZIO su sfondo blu scuro. IRRIDUCIBILI, per scelta della Curva Nord dunque, sarà dopo circa 30 anni di militanza, un qualcosa che resterà comunque custodito nella leggenda e nella storia di questa parte della città.

IMG_0009
Roma, il nuovo striscione della Curva Nord Lazio – Photo:Greko2020

Calcio, Lazio vs Cremonese, Coppa Italia

La squadra bianco celeste sfida all’Olimpico di Roma, la Cremonese, che milita attualmente nella serie cadetta, in occasione del turno di coppa nazionale. Match dal sapore anni 80 quando i grigio rossi calcavano i campi di A. Da Cremona per l’occasione arrivano circa un migliaio di tifosi che danno il meglio di se con sciarpate, bandiere e cori. Buono il loro supporto nonostante la sonora sconfitta in campo e lo svolgimento della gara a senso unico, a favore della squadra di casa.

IMG_0055
Lazio vs Cremonese a Roma – Ultras Cremonese – foto:Greko2020
IMG_0065
Ultras Cremonese a Roma – Foto:Greko2020
IMG_0071
Lazio Vs Cremonese – La Curva Nord – Foto:Greko2020

Calcio, Serie D nella periferia romana

Quadrante est della capitale, a gareggiare sul sintetico del quartiere Tor Sapienza, la squadra omonima e la Turris, compagine della località di Torre del Greco (Napoli).  La Turris è prima in classifica di Serie D e proiettata alla promozione in C ma il match risulta decisamente equilibrato. Sugli spalti diverse decine di ultras corallini, sostengono la squadra costantemente con cori e battito di mani, tamburi e bandiere per un tifo notevolmente caloroso. Tra le pezze “Zona Rossa“,  “Hihos de Barrios” e “Cattive Compagnie“. Sul lato opposto della tribuna, i padroni di casa giallo verdi con circa una ventina di presenze, supportano la propria compagine intonando cori anche se in modo discontinuo con l’ausilio di alcune bandiere con l’effigie della Torre ed un paio di drappi che riportano il nome dei Wardens e Feri Militia. Esco dall’impianto qualche minuto prima del triplice fischio e il risuonare dei cori tra i palazzi e le vie del quartiere creano un’atmosfera speciale, persino le camionette delle forze dell’ordine stimolano l’immaginario facendomi pensare a quegli stadi di categorie superiori immersi magari in zone densamente abitate, ma siamo solamente in un campetto di periferia, benché gradevole e ben distanti dai palcoscenici della Serie A di Roma e Lazio…

IMG_0024
Roma, Serie D – Tor Sapienza – Turris (Ultras Tor Sapienza) Foto: Greko2020
IMG_0012
Ultras Turris a Roma – Foto:Greko2020
IMG_0014
Ultras Turris a Roma – Foto:Greko2020
IMG_0002
Ultras Turris a Roma – Foto:Greko2020

 

Calcio, Lazio vs CFR Cluj

Per l’ Europa League si disputa allo Stadio Olimpico di Roma, il match tra Lazio e CFR Cluj, quest’ultima squadra campione della Liga 1 Romania nella stagione precedente e proveniente dalla città romena di Cluj Napoca, una delle località di quella terra carpato-danubiana che ha il pregio di conservare in una piazza, una copia della lupa capitolina, in memoria del suo passato di provincia romana in epoca imperiale. Risulta comunque che questa squadra non abbia un seguito eccezionale di supporters e rivaleggi in questo senso, con l’altro club cittadino, che milita attualmente in liga 2, denominato Universitatea Cluj, che sembra avere un appeal maggiore. L’ampio turnover nella formazione laziale è l’emblema di come venga considerato a Roma questo incontro calcistico, tanto che nell’umidità penetrante di una serata invernale capitolina gli spettatori sugli spalti sono davvero pochi, ed ampi sono gli spazi vuoti, come mai si era visto almeno in questa stagione. Come sempre comunque, fluttuano diversi bandieroni tra Curva Nord e Distinti Nord ed il supporto delle voci è incessante. Nel settore ospiti, un migliaio di sostenitori romeni danno comunque il meglio di se, scandendo spesso l’incitamento “CFR, CFR“. Un paio di tricolori romeni a sventolare e diverse pezze tra le quali quella del gruppo JUVENES ed una con la scritta bianca su sfondo bordeaux “onoare muncii grele” da tradurre come “onore lavoro duro“, motto dei lavoratori ferroviari che per primi vestirono la maglia della società fondata nel 1907. Tra i vessilli esposti anche un tricolore irlandese di cui non se ne intende la motivazione.

IMG_0004
Roma, tifosi CLUJ – Photo:Greko2019
IMG_0016
Roma, tifosi Cluj – Photo:Greko2019
IMG_0045
Roma, Curva Nord Lazio – Photo:Greko2019

L’angolo del pallone, Lazio vs Atalanta

Serie A, scendono in campo allo Stadio Olimpico di Roma, Lazio e Atalanta, per un rocambolesco 3-3; Si passa dal triplo vantaggio bergamasco, al pareggio raggiunto nel finale del secondo tempo dalla squadra di casa. Sugli spalti, quest’oggi caratterizzati da un buon colpo d’occhio, è notevole il supporto della Curva Nord con voce e decine di bandieroni. Rispondono in gran forma i neroazzurri con cori costanti e slogan accompagnati da battiti di mani, dietro il loro striscione Bergamo. Alcune piccole bandiere, stendardi e drappi a completare l’immagine del settore ospiti animato da circa 200 presenti.

IMG_0029
Roma, Stadio Olimpico. Ultras Atalanta – Foto:Greko2019
IMG_0034
Ultras Atalanta a Roma – Foto:Greko2019
IMG_0007
Roma, Curva Nord Lazio – Foto:Greko2019

Roma Victrix 2019

Si è svolta in una calda domenica di ottobre, una nuova edizione del Roma Victrix, appuntamento di rievocazione storica, ancora una volta dedicato alla battaglia di Tapae tra Daci e Romani con il contributo del gruppo storico proveniente dalla Romania dei Terra Dacica Aeterna. Scenografia arricchita da tende di un accampamento militare (il castrum) e diversi banchi illustrativi con repliche di oggetti quotidiani in uso nell’antica Roma. Negli ampi spazi dell’area archeologica della Villa di Massenzio, sull’Appia antica, si svolge prima un duello tra gladiatori, poi l’accensione di un fuoco sacro ed infine la battaglia di Tapae con scoccar di frecce e fragore di gladii e falci su elmi, corazze e scudi. L’evento gratuito, ha visto una buona presenza di spettatori ed i più piccoli hanno avuto modo di partecipare attivamente grazie ad alcuni momenti a loro dedicati al fine di familiarizzare con la storia romana.

IMG_0002
Roma Victrix 2019 – Artigiana Dace. Foto: Greko
IMG_0024
Roma Victrix 2019 – Foto: Greko
IMG_0030
Roma Victrix 2019 – Foto: Greko
IMG_0033
Roma Victrix 2019. Dacie di Terra Dacica Aeterna (Romania) Foto: Greko
IMG_0003
Roma Victrix 2019 – Gladiatori – Foto: Greko

Due passi a Vasto, perla dell’ Adriatico

Nella regione Abruzzo, provincia di Chieti, Histonium si affaccia, dall’alto dei suoi cento quaranta metri sul livello del mare, sulle acque di un ampio golfo dalle numerose sfumature verde azzurro, che va da San Salvo a Punta Penna dove svetta solitario, il bianco vivo di un faro. Tra le attrazioni turistiche si  annoverano reperti di epoca romana e quelle relative a periodi più recenti come il Castello Caldoresco che, con fossato e ponte levatoio risulta austero e imperante in una delle piazze d’accesso al centro storico.  Il campanile di Santa Maria Maggiore, che da lontano caratterizza la silouette di Vasto, si erge sobrio tra i vicoli silenziosi, mentre il Duomo di San Giuseppe è il sito che di più carpisce la mia attenzione con il suo campanile con orologio e la facciata dall’impronta gotica con rosone. La pavimentazione a blocchi di pietra grigio scuro, contribuisce a rendere elegante la piazza dove sorge tale luogo di culto, che conserva al suo interno, l’interessante opera cinquecentesca dipinta su legno del trittico della Madonna della Misericordia a firma di Michele Greco da Valona. Un lungo e discreto belvedere, associato a scorci di notevole bellezza, fanno da cornice alla passeggiata che in pochi minuti si può svolgere a piedi incrociando con lo sguardo curioso, uno dei famosi trabocchi che si snodano lungo le coste abruzzesi, affiancato nel caso di Vasto Marina, dalla sinuosa figura germogliata da uno scoglio, della bagnante di bronzo, scultura innalzata alcuni decenni fa. Proprio tra le morbide acque della Marina, una barchetta in prossimità della riva, vende il pescato fresco, raccolto in un secchio,  dove spuntano in particolare piccole razze, pannocchie e sogliole che il pescatore pulisce con un coltellino per poi risciacquarle in acqua di mare, prima di consegnarle al cliente, sottolineando come queste siano ingrediente fondamentale del tipico brodetto alla vastese.

IMG_0109
Vasto, Duomo di San Giuseppe
IMG_0084
Vasto, Porta Catena
IMG_0089
Vasto, veduta del golfo

 

Festa dei Popoli a Roma

Come ogni anno a Maggio, si svolge l’iniziativa della Festa dei Popoli, allo scopo di far conoscere le realtà etniche presenti sul territorio italiano. Alcuni stands propongono piatti tipici delle varie nazionalità, una bandiera eritrea contrassegna il chiosco dello Zighinì accompagnato da ceci e injera, mentre il palco si popola di gruppi folcloristici che si esibiscono con un paio di brani o coreografie ciascuno.  Manifestazione decisamente scorrevole e colorata,  che si svolge ai piedi della facciata di San Giovanni, intrecciando lingue e costumi tradizionali di ogni provenienza. Le etnie rappresentate spaziano da quelle dell’Est Europa (Romania, Ucraina, Albania, ecc.),  a quelle del Sud America ed Africa. Molti i messaggi di fratellanza lanciati dal palco, un invito a sentirsi parte di un’ unica famiglia, pur mantenendo forti le identità culturali, intese come arricchimento reciproco.

Rievocazione storica fondazione di Roma

In occasione della ricorrenza del Natale di Roma, hanno sfilato da Circo Massimo ai Fori Imperiali, gruppi di rievocatori storici con costumi ispirati all’antica civiltà romana. Alcuni onagri in legno sostano sulla ghiaia del Circo, mentre delle vestali accendono il fuoco sacro circondate da legionari con fiaccole accese. Durante il percorso sfilano anche donne e bambini con costumi popolani o da matrone,  eleganti danzatrici ( come le Nimfe Dace dalla Romania o le Nereidi da Lavinio ), soldati con elmi crestati, scudi variopinti, lance e stendardi. A dire il vero, questa edizione, complice la pasquetta tanto cara ai romani per le gite fuori porta e le lungaggini burocratiche imputabili al Comune della capitale, ha visto un calo sostanzioso della partecipazione sia di spettatori che di rievocatori. Lo spettacolo è stato comunque apprezzabile nell’intento della divulgazione storica e per valore culturale.

IMG_0030
Natale di Roma 2019 – Foto: Greko
BLOG1
Natale di Roma – Foto: Greko2019
IMG_0013
Natale di Roma – Foto: Greko2019

 

IMG_0031
Natale di Roma – Foto:Greko2019
PLUTO
Roma, Nimfe Dace – Foto:Greko2019

Calcio, Lazio vs Chievo Verona (Serie A)

La già retrocessa Chievo Verona, fanalino di coda, espugna l’Olimpico. Curva Nord laziale dopo un inizio spumeggiante con bandieroni e sciarpata sulle note dell’inno di casa, esegue un silenzioso sciopero del tifo togliendo pezze e striscioni e disertando le prime file del settore, per motivi probabilmente legati al divieto di esporre delle scritte. Considerando la retrocessione in serie B del Chievo, la presenza dei sostenitori ospiti è giustificatamente esigua. Circa 30 supporters di Verona espongono 3 pezze, tra le quali North Side e Gate7. Nessun bandierone, qualche coro di incitamento ed alcuni battimani ad accompagnare l’insolita vittoria dei clivensi.

BLOG1
Roma, Lazio Vs Chievo Verona. Ultras Clivensi – Foto Greko2019
BLOG2
Roma, Ultras Chievo Verona – Foto: Greko2019

punti di vista e nozioni, cultura e società